Poco conosciute, pericolose e infestanti: le cimici dei letti

La cimice dei letti non è molto conosciuta in Italia, ma si sta insediando molto velocemente anche nelle nostre zone, poichè stiamo parlando di un problema che ormai non ha più confini geografici, non essendoci infatti fattori climatici, igienici o ambientali che influiscano su questo parassita. Gli esperti affermano che l’aumento delle cimici dei letti sia dovuto principalmente all’aumento dei viaggi e degli spostamenti sia per lavoro che per turismo che consentono a questi parassiti di viaggiare trasportati con i nostri bagagli e i nostri indumenti.

Chi è la cimice dei letti

La cimice dei letti è un insetto lungo dai 5 ai 6 mm, con un corpo piatto che gli consente di annidiarsi anche nei più piccoli e sottili spazi. Prima di nutrirsi appare di colore giallo quasi trasparente, dopo il pasto invece assume un colore rosso scuro. La cimice dei letti si nutre di sangue pungendo sia l’uomo che altre specie animali a sangue caldo. Hanno la capacità di restistere a digiuno anche un intero anno.

Comportamento

Si nasconde in luoghi chiusi, sopratutto in materassi (grazie al quale hanno poi ereditato il “soprannome”), moquette, imbottiture dei divani, dove formano grandi gruppi di individui.  Tende a uscire dal proprio nascondiglio esclusivamente di notte per nutrirsi. Le cimici dei letti sono un problema molto grave oltre che per i privati, anche per alberghi, ostelli, mezzi di trasporto come treni, aerei e navi e in genere luoghi frequentati da animali a sangue caldo.

La puntura da cimice dei letti

La conseguenza della presenza delle cimici dei letti è ovviamente la puntura delle cimici stesse, che provocano dei pomfi infiammati e che provocano un prurito molto fastidioso.

cimice dei letti ingrandimento

una cimice dei letti

Materasso infestato dai cimice dei letti

Materasso infestato dalle cimici dei letti

esempio di punture della cimice dei letti sull'uomo

esempio di punture della cimice dei letti sull’uomo