Infestazione improvvisa di Mosconi o Mosche grigie della carne?

All’improvviso in casa avete notato la presenza insistente e continua di mosconi? Attenzione perchè può trattarsi di una infestazione di Sarcophaga carnaria o mosca grigia. La presenza di mosconi, sopratutto nella stagione estiva, è quasi sicuramente indice della presenza da qualche parte di una carogna di animale. Molte volte basta un semplice topo, piccione o lucertola che, imboscatosi in qualche posto inconsueto, (come ad esempio soletta tra i piani, soffitto, cassettone della tapparella, intercapendini ecc), sia poi morto diventando un habitat naturale delle larve di mosca che nutrendosi della carogna, finiranno per impuparsi. Una volta che le mosche sfarfalleranno dalle pupe, cercheranno di avvicinarsi alle fonti luminose o verso il caldo, per questo motivo a volte possono presentarsi fenomeni improvvisi dove i mosconi sembrano comparire “magicamente” in casa.

La specie

La Sarcophaga carnaria è una mosca vivipara. Infatti depone le sue larve nella carne in putrefazione (carcasse di animali morti, avanzi di cibo, ecc.) le quali crescono in brevissimo tempo. Le larve, in capo a pochi giorni (in condizioni ottimali di cibo e temperatura), si impupano per uscire poco dopo sotto forma di mosca adulta.

Come riconoscere i mosconi o mosche grigie

La Sarcophaga carnaria è di colore grigio scuro, con righe o sfumature leggermente più chiare, nell’addome dei maschi è presente una punta di colore rosso. La lunghezza delle mosche grigie della carne è di 10/14mm.

Eventuali danni

Le mosche carnarie possono trasportare agenti patogeni e introducendo le larve sulla carne (o sui formaggi), queste possono provocare lesioni intestinali o cutanee sia negli esseri umani che negli animali. In ambiente veterinario risulta essere una forte problematica, chi possiede cani o altri animali domestici, deve prevenire, intervenire e controllare possibili ferite aperte. È da queste infatti che le larve penetrano e infettano gli organi degli animali provocandone in alcuni casi anche la morte.

Come prevenire un’infestazione di mosche carnarie

E’ importante non lasciare del cibo incustodito in casa, sanificare spesso gli ambienti e le superfici, in particolare contenitori e bidoni dei rifiuti.

In caso di infestazione

Molte volte le infestazioni sono fenomeni spot, che raggiungono un culmine con il massimo dello sfarfallamento delle mosche, e tendono generalmente a risolversi in pochi giorni man mano fino a che tutte le pupe si sono schiuse. La disinfestazione chimica è consigliata nel caso in cui al contrario si notasse un aumento esponenziale di presenza di mosche della carne. Ovviamente il controllo chimico è un lavoro che soltanto una ditta specializzata utilizzando prodotti professionali e potenzialmente nocivi se utilizzati nella maniera sbagliata.

Alcune Curiosità

  • La presenza e la schiusa delle uova di Sarcophaga carnaria viene anche utilizzata in medicina forense per determinare il tempo trascorso dalla morte di un cadavere abbandonato.
  • La larva (o bigattino) della Sarcophaga carnaria è molto usato nella pesca sportiva grazie alla sua longeva vivacità, alla sua appetibilità e al suo bassissimo costo.