L’invasione delle Cimici, Palomena prasina e Rhaphigaster nebulosa

Le cimici, cosa sappiamo su questo insetto?

Le cimici verdi (Palomena prasina Linnaeus e Nezara viridula) o mimetiche (Rhaphigaster nebulosa) sono insetti fitofagi non pericolosi per l’uomo, ma dannosi per piante erbacee e arboree che attaccano per nutrirsi. Le cimici sono risultano essere un enorme problema sopratutto per la pianta del nocciolo, con le sue punture, infatti, causa la morte delle gemme fiorali e il deperimento della pianta che diventa giallastra. Il danno si manifesta sulle foglie e sui frutti ed è causato dalle punture di nutrizione delle cimici. I frutti delle piante attaccati dalle cimici assumono uno sgradevole sapore e non possono essere commercializzati.

Ovviamente se disturbata emette sostanze maleodoranti, secrete da ghiandole poste sul torace, motivo per il quale per molti è ritenuto un insetto particolarmente fastidioso, sopratutto nel periodo pre-invernale, quando, in cerca di un luogo caldo invade le abitazioni. Proprio per l’odore sgradevole che emettere quando attaccata questo insetto non ha molti nemici naturali e i pochi che ha, predano le sue uova anziché l’esemplare adulto.

Perchè negli ultimi anni le cimici stanno diventando un serio problema?

Questi insetti, in questo periodo stanno per entrare in un periodo “diapausa”, un particolare stato biologico di inattività che corrisponde con l’inverno e tendono a vagare alla ricerca un po’ di tepore per superare la stagione fredda. A causa della bizzarria del clima, molto variabile, che di anno in anno ritarda l’arrivo del freddo, questi insetti riescono a invadere letteralmente le nostre case, avendo più tempo per cercare luoghi riparati prima dell’arrivo del freddo.

Come liberarsi delle cimici per evitare che infestino le case?

In caso di un’infestazione grave solitamente trattiamo le zone che abitualmente le cimici usano come tramite per accedere in casa (finestre, scuri, fessure, esterni delle abitazioni) oppure i luoghi dove si rifugiano (anfratti, zone riparate dagli agenti atmosferici) con una nebulizzazione a base di piretro, in modo da colpire in maniera diretta le cimici presenti e anche gli esemplari che in seguito dovessero posizionarsi nelle zone trattate.

In caso di presenze ridotte, è possibile adottare alcuni semplici soluzioni per limitare il numero di cimici. Ad esempio piante come Basilico attirano le cimici per cui è meglio evitare di piantare queste piante in giardino, al loro posto meglio la pianta dell’Aglio che risulta essere un antiparassitario naturale.

Se volete proteggere l’orto e il giardino dalle cimici, provate ad appendere in alcuni punti strategici delle casette per gli uccelli che siano adatte ad attirare i predatori delle cimici, come le cince o i codirossi. Infatti questi uccelli hanno la necessità di catturare un’abbondante quantità di insetti per nutrirsi giorno dopo giorno

Una cimice verde

Un esemplare adulto di cimice verde

Una cimice nebulosa o mimetica

Una cimice “nebulosa” o “mimetica”