Infestazione in casa di cimici dell’olmo… come agire?

Da qualche anno gli abitanti delle nostre zone avranno notato piccoli insetti che si portano sui muri delle case ed entrano nelle abitazioni, si tratta di Cimici dell’olmo o Arocatus melanocephalus. Le infestazioni di questa cimice sono solitamente legate alla presenza di olmi nelle vicinanze degli edifici. Infatti, dall’inizio della primavera, gli adulti di cimice si spostano da nidi invernali alle piante di olmo dove, in presenza dei suoi frutti, depongono le uova.

La cimice dell’olmo è pericolosa?

La cimice dell’olmo non è pericolosa per l’uomo e gli animali domestici: non punge e non è portatrice di nessun agente patogeno.

Quali problemi causa?

La cimice dell’olmo non causa danni particolari, anche la presenza sull’olmo di questi insetti crea danni trascurabili, limitati ad alcune punture causate ai frutti della pianta. Molto fastidiosa è invece la sua tendenza a frequentare gli ambienti tipicamente popolati dall’uomo per cercare riparo. In questo frangente, l’insetto creando gruppi molto numerosi di esemplari può frequentare, senza ostacolo alcuno, le cucine, le camere da letto ed in generale, tutta la nostra abitazione. Questa abitudine associata alla comune capacità delle cimici di emettere un odore sgradevole quando molestate ha creato preoccupazione da parte degli abitanti delle nostre zone.

Come riconoscere una cimice dell’olmo?

Questo insetto nell’età adulta ha capo nero e ali di colore bruno, con un particolare disegno a croce sul dorso. L’addome è rosso aranciato. Può raggiungere le dimensioni massime di 6-7 mm.
L’insetto abitualmente frequenta gli olmi, ma anche altre piante (platani, conifere ecc), ma non si è certi che si nutra o si riproduca su di quest’ultimi. Occorre are attenzione a non confonderlo con altri insetti simili, che hanno comportamenti simili, ma diversamente non infastidiscono per le persone e evitando sopratutto di avvicinarsi alle abitazioni.

Come agire in caso di infestazione?

Sconsigliamo l’uso di insetticidi ad uso domestico, poichè oltre a essere pericolosi per la salute delle persone sono inutili al fine di contenere le infestazioni.
Questo fenomeno deve essere arginato inizialmente con la pulizia delle aree sporche ed incolte (con presenza di arbusti di olmo e di luoghi ideali allo svernamento ell’insetto), la raccolta ed eliminazione dei frutti di olmo caduti a terra, il posizionamento di barriere in porte e finestre che limitino l’accesso delle cimici nelle case (chiusura di fessure, installazione di zanzariere, ecc.). Inoltre sarà necessario valutare in base al livello di infestazione, se effettuare un trattamento con prodotti fitosanitari a bassa tossicità per l’uomo da effettuare alla chioma degli olmi, oltre alla raccolta meccanica degli esemplari adulti già presenti.

Arocatus menocephalus o cimice dell'olmo
Arocatus menocephalus o cimice dell'olmo
Arocatus menocephalus o cimice dell'olmo

Alcune foto di Arocatus menocephalus
(cimici dell’olmo)