Con la primavera, attenzione alla processionaria

Con l’arrivo della stagione più mite, si ripropone il pericolo, sia per gli uomini che per i nostri amici animali, della processionaria: si tratta di un piccolo lepidottero che infesta e distrugge le pinete, che in età larvale è particolarmente pericolosa (una volta adulta è quasi innocua).
Occorre quindi, individuarla precocemente per proteggerci, poichè sono i peli delle larve ad essere pericolosi per la salute. Sono altamente urticanti, si infilano nella pelle causando eritema pruriginoso e non solo per contatto diretto, ma grazie alla sola azione del vento, possono raggiungerci facilmente e se raggiungono il contatto con gli occhi, causare rapidamente congiuntiviti e per inalazione, problemi e difficoltà respiratorie, mal di gola.
Ricordiamo che il pericolo maggiore lo corrono i cani, che possono inavvertitamente sia ingerire i peli urticanti della processionaria che inalarli.
Cosa fare in questi casi? Come sempre, è importante osservare a valutare velocemente i sintomi: nel caso del cane, la sua improvvisa ed intensa salivazione, la lingua che si ingrossa sono provacati dalla violenta infiammazione della processionaria. Prima regola, indossare guanti per evitare ulteriori infiammazioni, lavare bocca e parti infettate con una soluzione di acqua e bicarbonato, e correre immediatamente dal veterinario.
Nel caso di bambini ed anziani, così come di tutte le persone che sono finite esposte al contatto con la processionaria, risciacquare le parti interessate, evitare di grattarsi e indossando i guanti, per evitare la contaminazione di ulteriori tratti di cute, una doccia ed uno shampoo possono essere un primo soccorso valido, in ottica di interpellare il proprio medico di fiducia.

Exera è al Vostro servizio per la diagnosi, pronto intervento di rimozione e disinfestazione dei rami infestati dalla processionaria: contattateci con fiducia.

Exera